7500 rapaci su Aspromonte per migrare

Oltre 7.500 i rapaci che, negli ultimi giorni, hanno "sorvolato" le cime d'Aspromonte. Entra nel clou l'attività di monitoraggio della migrazione autunnale degli uccelli rapaci e delle cicogne promossa dall'Ente Parco Nazionale dell'Aspromonte e condotta dai ricercatori che dalla postazione "Santo Stefano-Sinopoli", quotidianamente, censiscono i passaggi dei volatili. La ricerca, attiva ormai da molti anni, continua a fornire dati di grande interesse per la conoscenza e la conservazione di specie di avifauna protetta a livello internazionale e conferma la grande importanza dell'Aspromonte, quale sito ove si concentrano le popolazioni di migratori in questa stagione, così come evidenziato dai dati degli esemplari osservati finora, con prevalenza di nibbi bruni nel primo periodo, e con il progressivo aumento, soprattutto in questa settimana, di falchi pecchiaioli: 1.300 il 26 agosto, 1.700 il 27 agosto e addirittura più di 2.000 il 28 agosto.

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Brancaleone

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...